Benvenuto nell’ ENOTECA DEI 50

cantinaL’ ENOTECA DEI 50 è un punto di ritrovo per tutti quelli che vogliono assaporare un po’ di gusto delle Marche.

La passione per questa terra, e per il buon vino, hanno portato alla nascita del negozio.
Oltre ai vini locali, sia in bottiglia che sfusi, si possono trovare birre agricole e artigianali, olio extravergine di oliva, pasta, marmellate e confetture, e tanti altri articoli biologici.

I prodotti provengono prevalentemente da aziende marchigiane, tranne alcuni che decidiamo di trattare in esclusiva da regioni diverse.

 


La bottiglia per il vino, i formati speciali

Esistono bottiglie, che pur mantenendo la forma del modello classico, si presentano con varie dimensioni per capacità di liquido contenuto. Queste sono le bottiglie di tipo bordolese, borgogna e champagnotta; a quest’ultima in particolare, nei formati speciali, sono assegnati nomi riferiti a personaggi biblici dell’antico testamento.

misure bottiglie champagne

continua a leggere

0 comments

La bottiglia per il vino, le sue parti

le parti della bottiglia
 
La bottiglia di vetro è stata molto importante nella storia del vino, insieme con un tappo di alta qualità come quello di sughero, permette una lunga conservazione e un invecchiamento a lungo termine del vino.

Il vetro non assorbe o rilascia gli odori, con una superficie liscia e compatta, è inattaccabile perfino dagli acidi, ben si presta ad essere modellata in molteplici forme e colorata con i più svariati colori.

Come il vino ha caratteristiche sempre diverse, così le bottiglie che lo contengono. Si distinguono, per dimensioni, spessore del vetro, forma, o colore; tutte queste particolarità non sempre sono date da necessità tecniche, ma anche da differenti tradizioni, o semplici mode.

continua a leggere

0 comments

La bottiglia per il vino, le forme e le dimensioni

Le bottiglie per il vino hanno un loro nome e una loro storia, sono caratterizzate oltre che dalle forme, anche per lo spessore del vetro, e quindi per il peso, per la loro capacità e colore.

le forme delle bottiglie

continua a leggere

0 comments

La classificazione dei Vini Italiani

Negli anni si è cercato di valorizzare e certificare le caratteristiche del vino prodotto creando degli “appellativi” e dei “marchi” per poterli classificare.

La legislazione italiana propose una prima distinzione in “VINO DA TAVOLA” e in “VINO DI QUALITA’ PRODOTTO IN REGIONI DETERMINATE” riducendo la distinzione tra i vini a “Vino di Origine Geografica” e “Vino senza Origine Geografica“.

Successivamente si è avuto l’esigenza di classificare ulteriormente il vino creando dei marchi legati all’origine del prodotto, alla qualità e alla produzione. Sono nati gli acronimi DOC, DOCG, DOP, IGT e IGP.

L’Unione Europea nel 2009 ha posto i parametri per la classificazione dei prodotti vinicoli e la loro suddivisione ufficiale.

continua a leggere

0 comments

Commenti chiusi